Condividi

Nuova Tari, Arera non potrà annullare i piani finanziari


Si è stabilito che l’Arera non potrà in nessun caso annullare i piani finanziari Tari già validati dalle autorità territorialmente competenti. Lo ha chiarito l’Ifel, che supporta i Comuni nel percorso di transizione al passaggio alla delibera Arera n. 443/2019.

L’ interlocuzione serrata tra Ifel e Arera ha l’intento di superare le diverse criticità emerse sul nuovo metodo tariffario, che coinvolgono un’ampia platea formata da operatori comunali, gestori del servizio e autorità d’ambito.

Il nuovo approccio impone comunque ai funzionari e agli amministratori dei Comuni una rilevante attività di studio, formazione e interpretazione. L’approvazione finale del Pef spetta all’Arera, che non potrà comunque procedere all’eventuale annullamento ma potrà intervenire con richiesta di informazioni o prescrizioni da considerare nel Pef successivo.

Non sono noti i tempi di risposta dell’Arera, ma non potranno essere celeri considerato che l’Autorità dovrà approvare circa 7.000 Pef. Le novità sono tante e bisogna mettersi subito al lavoro per riuscire ad approvare le tariffe Tari entro il 30 aprile 2020, considerato che non sono state accolte proroghe.


Tutte le news

Iscrizione newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato su tutte le novità.



termini e condizioni